Le tecniche di trattamento osteopatiche

Metodiche cranio/sacrali


osteopatia fisioterapia rapallo recco genova chiavari lavagna camogli santa margherita
osteopatia fisioterapia rapallo recco genova chiavari lavagna camogli santa margherita

In osteopatia si afferma dell'esistenza di un ritmo indipendente dal ritmo respiratorio, definito
MOVIMENTO RESPIRATORIO PRIMARIO;
generalmente non considerato dalla medicina tradizionale, tale ritmo generato dalla motilità del sistema nervoso centrale, si trasmette attraverso le meningi alle ossa del cranio (movimento di espansione) ed al sacro (movimento di flesso-estensione).
Occorre considerare che le meningi craniche (le membrane che avvolgono e dividono in appositi settori cervello, cervelletto e strutture connesse) continuano all'interno della colonna vertebrale (con il nome di dura
madre) avvolgendo il midollo spinale e inserendosi poi sull'osso sacro.
Il movimento ritmico del cervello viene così trasmesso al cranio, grazie all'elasticità delle suture craniche e all'osso sacro, tramite "pulsazioni"; sono movimenti appena percettibili, ma si possono apprezzare ponendo le dita in precisi punti del cranio e del sacro.
Un trauma a livello del cranio o del sacro può influenzare negativamente questo meccanismo, se inoltre l'evento traumatico avviene sul neonato o sul bambino influenzerà la crescita ossea del cranio e del resto del corpo.
L'osteopata è in grado di percepire, attraverso la palpazione del cranio e del sacro, la qualità del movimento e ha la possibilità di intervenire nei casi in cui questo si trovi alterato, con tecniche di manipolazioni dolci indirizzate alle singole articolazioni del cranio ed all'osso sacro, per ristabilire una condizione di normalità o comunque di miglioramento della cinetica cranio – sacrale globale.
L'obiettivo delle metodiche cranio-sacrali quindi è l'ottenimento di un buon ritmo nei casi in cui questo si trova alterato (ad es. in conseguenza di traumi o colpi di frusta).